Metti Android nel tuo PC

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Oramai Android sta invadendo il mercato dell’elettronica, oltre a smartphone e tablet lo troviamo anche su televisori, autoradio e box TV, allora perché non istallarlo anche sul nostro pc?  
I ragazzi di Android-x86 Project portano avanti, anche se un po’ in ritardo rispetto alla versione ufficiale, il porting di Android per l’architettura x86 e al momento l’ultima versione disponibile è la beta della 4.3. Qualcuno si chiederà, a che pro istallare Android sul PC se già c’è Windows o in alcuni casi Linux?
I motivi potrebbero essere diversi: solo per pura curiosità, per avere applicazioni che non hanno l’equivalente per PC o come nel caso dei netbook, il quale uso è al 90% la navigazione su internet e la chat, per avere un sistema più snello e veloce. E comunque, qualunque sia il motivo non è necessario per forza istallarlo ma si può anche testarlo in modalità live da un cd o chiavetta usb, di seguito vi spiegherò come preparare una chiavetta usb avviabile, per il cd non credo servano spiegazioni siete capaci tutti di masterizzarlo.
Innanzitutto scaricatevi la ISO da quì (vi consiglio di scaricare la 4.2 in quanto la 4.3 è ancora molto instabile), dopodichè serve il programma Unebootin scaricabile da quì (Unebootin è un applicazione open source disponibile per Windows, Linux e Mac che ci permette di creare chiavette usb avviabili, partendo da una qualsiasi iso, anche windows, utile soprattutto per istallare sistemi operativi su dispositivi sprovvisti di lettore cd/dvd). Una volta scaricate Iso e software, avviate quest’ultimo,  mettete la spunta su immagine disco e selezionate la ISO come da immagine quì di fianco, sotto selezionate  l’unità usb da utilizzare e cliccate su ok, partirà la creazione della chiavetta che durerà in base alle dimensioni del file immagine da pochi minuti fino ad una mezz’oretta ( la ISO di Android è piccolina quindi non dovrete aspettare tanto).
Una volta creata la chiavetta riavviate il pc con la stessa inserita avendo l’accortezza di aver abilitato da bios il boot da usb e nel giro di pochi minuti vi ritroverete il vostro PC funzionante con Android. Nella foto qui di fianco potete vedere il mio PC con Android 4.3 avviato da Usb, come ho detto sopra la 4.3 è ancora molto instabile anche se finalmente ha aggiunto il supporto alle webcam e all’accelerazione 3D OpenGL quindi se sopportate qualche crash e qualche puntamento provatela pure altrimenti ripiegate sulla 4.2.
0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Android

Informazioni su Gianni65

Salve sono Giancarlo, “Gianni65” per tutti quelli che mi conoscono sul web. La mia passione per l’informatica è iniziata agli inizi degli anni ottanta, quando ho messo per la prima volte le mani su uno ZX Spectrum e mi si è spalancato davanti un mondo fantastico, passione che mi ha accompagnato fino ai nostri giorni, non mi ritengo un esperto ma un semplice smanettone anche se i miei amici dicono il contrario e infatti sono sempre li a chiedermi consigli. Ho realizzato questo blog per condividere le mie esperienze, maturate nel corso degli anni tra errori e successi, con altri appassionati e “smanettoni” come me e per chi a digiuno di nozioni informatiche si vule fidare della mia esperienza, quindi non aspettatevi un blog puramente tecnico ma da semplice appassionato e autodidatta che comunque nel corso degli anni è sempre riuscito nel suo intento. Premetto che non sono infallibile anzi, se notate qualche imprecisione negli articoli non esitate a farmeli notare in modo da migliorare le nostre conoscenze insieme. Ho inserito anche una piccola sezione con del software gratuito (freeware e open source) diviso per categorie, anche quì un po’ scarsa ma spero di ampliarla al più presto. Non aspettatevi post a raffica ma mooolto a rilento in quanto lavoro e famiglia portano via parecchio tempo e gestire un blog non è così semplice come credevo, spero comunque che troviate interessanti gli articoli e che pazientate se le risposta ai commenti non saranno celere.

Precedente The GIMP, vera alternativa a Photoshop o solo un "giocattolo" Successivo So.Di.Linux, il pinguino entra nelle scuole