Phoenix OS: Finalmente un Android per il desktop? Scopriamolo insieme

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Un po’ di tempo fa avevo pubblicato un articolo su come istallare Android-x86 su pc, (l’articolo lo trovate qui ), tra l’altro aggiornato da poco a Marshmallow, (per il download qui). Il problema è che nonostante sia possibile istallarlo su un PC resta sempre un android stock pensato per essere usato su dispositivi mobili e con touchscreen quindi, poco usabili su un sistema con mouse e tastiera ma ultimamente ci sono alcune aziende che hanno pensato di realizzare delle varianti del suddetto  più simili a Windows o comunque più adatti al desktop in modo da poterlo usare senza problemi sul nostro PC. Al momento ne sto provando due ma uggi vi parlerò di Phoenix OS che è quello che ho finito di testare per prima. Il sistema operativo è frutto di un gruppo di programmatori cinesi ed è scaricabile da qui (non preoccupatevi, il sito è anche in italiano).

Aspetto: L’OS si presenta con una classica interfaccia desktop in stile Windows con una barra in basso dove troviamo menù d’avvio, alcune app ad avvio rapido, le app aperte e varie icone di stato più l’orologio, sul lato destro dello schermo è possibile far apparire la barra delle notifiche con alcuni settaggi (in stile Windows 8 per intenderci) e l’immancabile icona del computer e del cestino sul desktop.

Usabilità:  Premesso che Android-x86 è un sistema ottimizzato per processori intel e quindi, essendo il mio PC con processore e scheda video AMD, ho avuto un pò di problemi di stabilita con riavvii improvvisi del sistema ma comunque nulla che mi abbia impedito di farmi un idea del sistema. Devo dire che sono rimasto positivamente colpito dall’usabilità, il sistema è fluido e risponde bene, la possibilità di avere il multiwindows è sicuramente un passo avanti rispetto ad Android classico, dopo un pò ci si scorda che si sta utilizzando un sistema mobile ma sembra di avere sotto mano ua distro Linux vuoi anche per la grafica di alcuni elementi tipo il file manager o il pannello di controllo che la ricordano. Qui sotto trovate alcuni screenshot che ho fatto per darvi un idea del sistema ma vi consiglio vivamente di provarlo.

Conclusione: Tutto sommato non posso dare che un giudizio positivo, chiaramente la strada da fare è ancora tanta, soprattutto in campo stabilità ma devo dire che siamo sulla buona strada e devo dire che l’idea di avere un sistema leggero, aggiornato e con un parco di applicazioni immenso come quello di Android non è male, soprattutto per rivitalizzare un vecchio pc che magari non usiamo più.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Android, Sistemi Operativi ,

Informazioni su Gianni65

Salve sono Giancarlo, “Gianni65” per tutti quelli che mi conoscono sul web. La mia passione per l’informatica è iniziata agli inizi degli anni ottanta, quando ho messo per la prima volte le mani su uno ZX Spectrum e mi si è spalancato davanti un mondo fantastico, passione che mi ha accompagnato fino ai nostri giorni, non mi ritengo un esperto ma un semplice smanettone anche se i miei amici dicono il contrario e infatti sono sempre li a chiedermi consigli. Ho realizzato questo blog per condividere le mie esperienze, maturate nel corso degli anni tra errori e successi, con altri appassionati e “smanettoni” come me e per chi a digiuno di nozioni informatiche si vule fidare della mia esperienza, quindi non aspettatevi un blog puramente tecnico ma da semplice appassionato e autodidatta che comunque nel corso degli anni è sempre riuscito nel suo intento. Premetto che non sono infallibile anzi, se notate qualche imprecisione negli articoli non esitate a farmeli notare in modo da migliorare le nostre conoscenze insieme. Ho inserito anche una piccola sezione con del software gratuito (freeware e open source) diviso per categorie, anche quì un po’ scarsa ma spero di ampliarla al più presto. Non aspettatevi post a raffica ma mooolto a rilento in quanto lavoro e famiglia portano via parecchio tempo e gestire un blog non è così semplice come credevo, spero comunque che troviate interessanti gli articoli e che pazientate se le risposta ai commenti non saranno celere.

Precedente Cookie Policy, come mettersi in regola Successivo Social fai da te: Come realizzare gratis il proprio Social Network