EZCast l’anti Chromecast….

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Circa quattro mesi fa in questo post vi parlai del dongle Chromecast per inviare contenuti multimediali alla tv anche attraverso un app realizzata per il “clone” cinese ma funzionante anche con il Chromecast di Google. Ieri girando in una delle tante fiere dell’elettronica ho trovato l’EZCast (così si chiama il clone cinese) e siccome era già mia intenzione acquistarlo e visto che il prezzo era lo stesso di Amazon l’ho preso e messo subito alla prova spinto dalla curiosutà e da tutte le recensioni positive della rete.

Iniziamo dal contenuto dela scatola che e molto minimale, in pratica ci sono solo il dongle e il cavo USB più un piccolo manuale per fortuna anche in italiano, la cosa che mi è piaciuta gia dall’unboxing e che l’antenna wifi è insieme al cavo USB e non interna al dongle, questo fa si che il dipositivo non si riscaldimolto come succede con il Chromecast.

contenuto scatolaPer il collegamento è come il dongle Google basta inserirlo all’ingresso HDMI e alimentarlo con l’USB o dalla porta del televisore se ne è provvisto o con un alimentatore esterno anche di un cellulare, tanto oramai sono standard per tutti i dispositivi con porta USB.

Passiamo al software che è forse la cosa che mi ha colpito di più positivamente, innanzitutto perchè mentre il Chromecast monta Android come sistema operativo questo monta Linux ed è già un gran vantaggio, anche la configurazione è molto più facile in quanto si esegue direttamente dal televisore usando il cellulare come telecomando per navigare tra le varie voci.

Adesso veniamo alle funzioni vere e proprie del dongle e cosa ci offre di più o di meno del Chromecast. Di meno non ci offre sicuramente niente, il dispositivo di Google ci permette di inviare contenuti multimediali alla TV dalle applicazioni compatibili e di fare il mirroring solo con un limitato numero di dispositivi, inoltre avevo riscontrato l’impossibilità di riprodurre alcuni flussi video forse per la mancanza di codec sul dispositivo in quando la decodifica degli stessi viene effettuata dal dongle e non dal cellulare, l’EZCast invece oltre ad essere comunque un dispositivo DLNA come il Chromecast, è compatibile anche con l’AirPlay di Mac e con il sistema Miracast che è uno standard per il mirroring sulla TV quindi qualsisasi dispositivo dotato di WiFi Display (praticamente i cellulari e tablet recenti lo hanno quasi tutti) può essere visualizzato sulla tv, io ho provato con due cellulari e un tablet e funzionano egregiamente. Anche l’app per gestire il tutto è fantastica, disponibile per Android, IOS e WP ci permette di inviare qualsiasi tipo di contenuto, dalle foto ai video, dalla musica alle pagine web fino ai documenti di office, comodissima per le presentazioni di PowerPoint consideranto il fatto che possiamo scrivere sopra le slide ma anche sulle foto video o pagine web per evidenziare particolari.

In conclusione, costo ridotto tra i 20-25 euro su Amazon o se vi capita in qualche fiera contro i 35 euro del Chromecast, Linux come sistema operativo che è una garanzia, codec video più completi, maggior compatibila con i vari sistemi di streaming, sicuramente vale la pena acquistarlo. Spero la recensione sia stata utile e se avete dubbi o domande no esitate a farle, alla prossima.

Aggiornamento del 15/01/2015

Piccolo aggiornamento che conferma il mio giudizio sulla superiorità dell’EZCast sul Chromecast, Con l’ultimo aggiornamento del firmware la fluidità è aumentata notevolmente come pure la compatibilità con i codec video, oramai legge di tutto. Nella recensione tra l’altro mi ero scordato di menzionare l’applicazione per PC, sia Windows che OSX, del tutto simile all’app per mobile (al contrario del Chromecast che usa una semplice estensione del browser Chrome), che permette oltre a condividere video, immagini e quant’altro come nella controparte mobile, permette un mirroring di tutto lo schermo molto più fluido del dongle di Google e in più ha anche la modalità estensione dello schermo come quando colleghiamo due monitor alla stessa scheda grafica che può risultare utile in diversi casi.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Android, Linux, Mobile, OSX, Windows , , , , , ,

Informazioni su Gianni65

Salve sono Giancarlo, “Gianni65” per tutti quelli che mi conoscono sul web. La mia passione per l’informatica è iniziata agli inizi degli anni ottanta, quando ho messo per la prima volte le mani su uno ZX Spectrum e mi si è spalancato davanti un mondo fantastico, passione che mi ha accompagnato fino ai nostri giorni, non mi ritengo un esperto ma un semplice smanettone anche se i miei amici dicono il contrario e infatti sono sempre li a chiedermi consigli. Ho realizzato questo blog per condividere le mie esperienze, maturate nel corso degli anni tra errori e successi, con altri appassionati e “smanettoni” come me e per chi a digiuno di nozioni informatiche si vule fidare della mia esperienza, quindi non aspettatevi un blog puramente tecnico ma da semplice appassionato e autodidatta che comunque nel corso degli anni è sempre riuscito nel suo intento. Premetto che non sono infallibile anzi, se notate qualche imprecisione negli articoli non esitate a farmeli notare in modo da migliorare le nostre conoscenze insieme. Ho inserito anche una piccola sezione con del software gratuito (freeware e open source) diviso per categorie, anche quì un po’ scarsa ma spero di ampliarla al più presto. Non aspettatevi post a raffica ma mooolto a rilento in quanto lavoro e famiglia portano via parecchio tempo e gestire un blog non è così semplice come credevo, spero comunque che troviate interessanti gli articoli e che pazientate se le risposta ai commenti non saranno celere.

Precedente Android-x86 4.4.2 Prova su strada Successivo Kodi, il Media Center gratuito e funzionale